Comportamento

Il governo corrotto rende i cittadini più disonesti

corruzioneOgni anno Trasparency International, un’organizzazione non governativa, stila la classifica mondiale sulla percezione della corruzione pubblica. Nel rapporto Corruption Perceptions Index del 2015 l’Italia si colloca al 61esimo posto sulle 168 nazioni esaminate, penultima tra i 28 membri dell’Unione Europea facendo meglio solanto rispetto alla Bulgaria. L’Indice di Transparency misura la percezione della corruzione nel settore pubblico utilizzando dati provenienti da interviste ad esperti nazionali. Accanto a questi viene anche presentata una panoramica dell’opinione pubblica. Da questi dati emerge che il 64% delle persone ritiene inefficaci i tentativi del governo nella lotta contro la corruzione, ed anzi le istituzioni politiche sono proprio quelle che vengono percepite come maggiormente affette da corruzione.

D’altro canto, gli stessi cittadini disillusi dalla condotta della propria classe politica sono i fautori di un altro dato altrettanto allarmante: l’Italia è uno dei primi paesi dell’UE per evasione fiscale. In italia infatti vale circa il 30% del PIL, e si stima che il 20% dei contribuenti sia un evasore fiscale.

La corruzione e l’evasione fiscale rientrano tra le preoccupazioni economiche di ogni paese, ma sono certamente condotte legati ad una mancanza di onestà radicata nella cultura del paese.

In uno studio recente, Simon Gächter and Jonathan Schulz hanno chiesto ad alcuni volontari di 23 nazioni diverse di partecipare ad un gioco. I ricercatori hanno scoperto che i partecipanti erano più disposti a trasgredire alle regole del gioco se provenivano da società più corrotte.

“Corruzione e frode avvengono continuamente nell’ambiente sociale, ed è plausibile che ciò plasmi la psicologia delle persone, ciò per cui riescono a farla franca” scrive Gächter. In altre parole: la corruzione corrompe.

Se i politici sono corrotti, le grandi aziende aggirano il fisco, i milionari aprono conti nei paradisi fiscali, certamente i cittadini comuni si sentono più legittimati a prendere delle scorciatoie. 

Per dimostrarlo, i ricercatori hanno chiesto ai volontari di lanciare un dado due volte e di comunicare quale fosse il risultato del primo lancio, regalando loro un dollaro se il risultato era uno, due dollari se era due, e così via.

I ricercatori non potevano vedere il risultato del lancio, ed il premio era basato soltanto sulle dichiarazioni dei giocatori. Quindi, se tutti fossero stati onesti, il risultato medio sarebbe stato 2,5 dollari.

Il gioco è stato ripetuto con studenti di 23 Paesi, scelti in base ad un fattore chiamato “prevalenza della violazione delle regole” (PRV), un indice derivato dai dati sulle frodi politiche, corruzione ed evasione fiscale di ogni paese.

Gli studenti provenienti da paesi con alto PRV, come Guatemala e Tanzania, si comportavano in modo meno onesto rispetto a chi proveniva invece da paesi come Svezia ed Olanda, paesi con basso PRV. In generale nessuno dei paesi studiati può essere definito completamente onesto o disonesto. Tutti hanno in una certa misura violato la regola; ma la misura in cui lo hanno fatto varia in base al livello di corruzione del proprio paese di provenienza.

Questi risultati potrebbero essere interpretati come semplice correlazione, ovvero coesistenza di corruzione del Paese e disonestà dei cittadini, senza poter stabilire con certezza quale dei due abbia causato l’altro. Gli autori però specificano che lo studio ha analizzato i comportamenti di studenti troppo giovani per essere coinvolti e contribuire in prima persona alla corruzione del proprio Paese. Ciò conferma che è molto più probabile che il generale clima di disonestà vigente in una società influenzi gli individui, piuttosto che il contrario.

È però anche vero che la causalità agisce anche in senso opposto: se le persone sono generalmente disoneste, da un lato la violazione delle regole diventa “normale”, e dall’altro questa normalità rende più difficile combattere la corruzione.

D’altronde, le due cose si muovono insieme, ed è difficile individuare l’origine del problema che con il tempo si trasforma in un nuovo paradosso dell’uovo e della gallina; nonostante ciò rimane la certezza che, iniziando a sbrogliare uno qualsiasi dei suoi grovigli, il nodo si scioglierà da sé.

 

Commenti

To Top